Navigation

Il popolo deciderà come risolvere la carenza di personale infermieristico

In tutto il mondo, infermiere come Martina Papponetti, all'ospedale di Bergamo in Italia, sono state in prima linea nella lotta contro il coronavirus. Copyright 2020 The Associated Press. All Rights Reserved

Nel bel mezzo della pandemia di Covid-19, la Svizzera sta affrontando una grave carenza di personale infermieristico. Tutti concordano sul fatto che sia necessario fare qualcosa. Ma il settore e il Parlamento si dividono sulle soluzioni possibili. Sarà il popolo a decidere il 28 novembre in una votazione federale.

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 ottobre 2021 - 14:30

"Ogni giorno un'infermiera era malata e non c'era nessuno a sostituirla. Ero molto stressata al lavoro. Sono tornata a casa nervosa e ho sfogato la mia frustrazione sulla mia famiglia", ha detto Carole R.*, un'infermiera laureata specializzata in chirurgia e terapia intensiva, nella nostra inchiesta del maggio 2020. Queste parole illustrano la situazione del personale infermieristico svizzero: sotto organico, stressato e mal pagato.

Acclamati dai balconi durante il lockdown, gli assistenti chiedono ora un intervento per risolvere un problema noto da tempo, ma che la pandemia non permette più di ignorare. In questo contesto, il popolo svizzero voterà il 28 novembre l'iniziativa popolare "Per cure infermieristiche forti"Link esterno, nota anche come iniziativa per le cure infermieristiche, che mira a migliorare la situazione nel settore infermieristico.

Qual è l'entità della carenza?

Mentre il bisogno di cure infermieristiche aumenta inevitabilmente con l'invecchiamento della popolazione, la Svizzera non forma abbastanza personale qualificato. Inoltre, c'è un alto tasso di abbandono: il 46% degli infermieri lascia la professione. Se non si fa nulla, alla Svizzera mancheranno 65’000 infermieri entro il 2030, secondo le stime dell'Osservatorio svizzero della salute.

Attualmente, la Svizzera sta reclutando massicciamente dai Paesi vicini per soddisfare i suoi bisogni. Un terzo del personale infermieristico degli ospedali viene dall'estero. Tuttavia, questa dipendenza può causare problemi, come ha dimostrato la pandemia. Quando gli Stati hanno chiuso le loro frontiere per limitare il contagio, la Svizzera ha dovuto negoziare con i suoi vicini per permettere al personale sanitario di continuare a circolare.

Cosa chiede l'iniziativa popolare?

L'Associazione svizzera delle infermiere e degli infermieri (ASI) propone una soluzione alla carenza di personale sanitario nella sua iniziativa del 2017.

In primo luogo, l'iniziativa per le cure infermieristiche chiede alla Confederazione e ai Cantoni di formare un numero sufficiente di infermieri qualificati in Svizzera. In secondo luogo, la proposta intende elevare lo status della professione. A tal fine, chiede che il governo garantisca migliori condizioni di lavoro, anche definendo i livelli salariali.

Secondo l'ultimo Panorama della sanità dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), pubblicato nel 2019, la remunerazione degli infermieri rispetto al salario medio svizzero è tra le più basse dei Paesi membri.

Contenuto esterno

La Confederazione dovrebbe anche emanare disposizioni sullo sviluppo professionale per aprire nuove opportunità di carriera, secondo i promotori dell'iniziativa.

Infine, il testo mira a dare più poteri agli infermieri permettendo loro di fatturare alcuni servizi direttamente alle compagnie di assicurazione. Attualmente, non possono farlo senza una prescrizione medica.

Cosa prevede il controprogetto indiretto del Parlamento?

Il governo e il Parlamento vogliono anche rafforzare l'assistenza infermieristica e contenere la carenza di personale, ma credono che l'iniziativa popolare vada troppo oltre. Hanno quindi adottato una controproposta indiretta che risponde a due delle richieste dei promotori, cioè promuovere la formazione e ampliare le competenze degli infermieri.

Da un lato, il controprogetto prevede un investimento di circa 1 miliardo di franchi su otto anni nella formazione e nel perfezionamento. D'altra parte, come richiede l'iniziativa, gli infermieri potranno anche fare a meno della prescrizione del medico per fatturare certe prestazioni all'assicurazione sanitaria obbligatoria. Per evitare che questa misura aumenti le spese sanitarie, sarà messo in atto un meccanismo di controllo.

Perché il popolo ha voce in capitolo?

Nel 2017, l'Associazione svizzera degli infermieri è riuscita a raccogliere 120’000 firme a favore della sua proposta. Il comitato d'iniziativa non è stato convinto dalla controproposta indiretta elaborata dal Parlamento e ha deciso di non ritirare il testo. Di conseguenza, il popolo avrà l'ultima parola. Se l’iniziativa avrà successo alle urne, la controproposta sarà affossata. In caso contrario, entrerà rapidamente in vigore.

Quali sono i principali argomenti a favore dell'iniziativa?

Coloro che sostengono l'iniziativa ritengono che la controproposta si concentri sugli investimenti nella formazione, ma non includa misure sufficienti per migliorare la qualità delle cure e le condizioni di lavoro nel settore. Il comitato d'iniziativa ritiene che questo sia un elemento chiave per prevenire il pensionamento anticipato e che gli investimenti previsti dal Parlamento sarebbero uno spreco senza misure aggiuntive.

Il campo del "sì" sostiene che la soddisfazione sul lavoro dipende principalmente dal numero di assistenti per squadra, dalle opportunità di sviluppo personale e dal salario. È quindi essenziale che la Svizzera formi più infermieri a livello nazionale, in modo da non essere così dipendente dagli stranieri. Secondo i promotori e le promotrici del testo, solo l'iniziativa permetterà di garantire la qualità delle cure e la sicurezza del paziente.

Quali sono gli argomenti contro l'iniziativa?

Il campo del "no" ritiene che l'iniziativa vada troppo lontano, poiché tra l'altro richiede alla Confederazione di regolare le condizioni di lavoro e i salari. Tale ruolo non è proprio della Confederazione, secondo chi si oppone, ma delle istituzioni, delle parti sociali e dei Cantoni.

Gli oppositori e le oppositrici del testo sottolineano che l'assistenza medica di base è già inclusa nella Costituzione. Non è quindi necessario menzionare specificamente le cure infermieristiche, per evitare di creare uno status privilegiato per una categoria professionale.

La fatturazione diretta dei servizi potrebbe anche portare a un aumento dei costi sanitari, avverte il campo del “no”. Quest'ultimo favorisce quindi la controproposta indiretta, che include un meccanismo di controllo per questa misura.

Coloro che si oppongono affermano anche che le misure della controproposta, che è già stata approvata dal Parlamento, potrebbero essere attuate rapidamente e rispondere alla sfida della carenza di infermieri. L'esecuzione dell'iniziativa richiederebbe più tempo, poiché il Consiglio federale e il Parlamento dovrebbero preparare una nuova legge, che entrerebbe in vigore solo più tardi.

Chi è a favore e chi è contro?

L'iniziativa infermieristica sta polarizzando le opinioni. È favorita dai partiti di sinistra, il Partito Socialista e i Verdi, mentre i partiti di destra e di centro preferiscono il controprogetto.

Il settore sanitario non è unito. Oltre all'ASI, le organizzazioni di medici e pazienti e i principali sindacati sostengono l'iniziativa. Tuttavia, quattro associazioni di aiuto alle persone anziane preferiscono la controproposta indiretta. Il testo è sostanziale e vincolante, e secondo loro ha il vantaggio di poter essere attuato immediatamente.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.