Navigation

Se i font sono i vestiti delle parole, la svizzera Nina Stössinger è una stilista

Nina Stössinger, designer di caratteri tipografici. 2021 Andrew Lichtenstein

Dove trova l'ispirazione una designer di caratteri tipografici? Com'è la vita a Brooklyn? SWI swissinfo.ch ha incontrato Nina Stössinger, creatrice di font e professoressa. Intervista.

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 luglio 2021 - 17:00
Isabelle Bannerman (testo) e Andrew Lichtenstein (immagini)

SWI swissinfo.ch: Lei crea nuovi caratteri tipografici, uno dei quali è in lizza per diventare il nuovo carattere standard di Microsoft. Cosa l'ha spinta a entrare nell'ambito del design di font?

Nina Stössinger: Il mio percorso è stato molto tortuoso. Per molto tempo, non sapevo neanche che questa professione esistesse. Inizialmente, volevo fare la giornalista. Sono sempre stata interessata ai testi. Mio padre era attore teatrale e mia madre scrittrice, redattrice e giornalista. Nella mia famiglia i testi e i libri sono sempre stati importanti.

"Ho sempre desiderato vivere a New York."

End of insertion

A un certo punto, ho realizzato quanto mi piacesse il design, e sono dunque andata a studiare multimedia design in Germania. Durante il primo semestre, ho frequentato un corso introduttivo sulle proporzioni dei caratteri tondi maiuscoli. Mi sono semplicemente innamorata. Mi affascinava pensare che quella era l'interfaccia tra forma, lingua e narrazione. È così che sono stata conquistata.

Come è arrivata dove si trova ora?

Mi sono iscritta a un corso post-laurea in design tipografico all'Università delle arti di Zurigo. Qualche anno dopo ho chiuso il mio studio di design per un anno e ho ottenuto un master in design tipografico alla Royal Academy of Arts all'Aja, uno dei pochi atenei dove si può conseguire un diploma in questo ambito.

È una disciplina a cui è complicato accedere. Ora la sto svolgendo a tempo pieno da cinque anni presso la Frere-Jones TypeLink esterno, a New York.

Stampa di prova del carattere Empirica, in fase di sviluppo alla Frere-Jones Type. Vengono raccolti dei feedback da utilizzare per eventuali modifiche. Andrew Lichtenstein

Come è stato trasferirsi a New York e iniziare una nuova vita lì?

Ho sempre desiderato vivere a New York. È la mia città preferita. Però, trasferirmi qui è stato più difficile di quanto pensassi. Avevo già visitato la città e avevo amici qui. Avevo anche un posto di lavoro che mi attendeva. Quindi pensavo di sapere in cosa mi stessi avventurando.

Ma vivere davvero qui, in un ambiente con un ritmo di vita così elevato, in una città così grande, è molto più intenso di quanto fosse la mia vita in Svizzera.

Detto ciò, quando si abita in una città delle dimensioni di New York, le proprie relazioni sono nel quartiere. Si conosce gente, ci si saluta, si chiacchiera. Vado sempre negli stessi negozi e negli stessi bar. Ci si costruisce il proprio ecosistema e, specialmente qui a Brooklyn, non è opprimente.

Andare a Manhattan da Brooklyn, quello sì che sembra un vero viaggio a New York! Ma amo la città, specialmente ora che sua vivacità è tornata.

Anche la città è fonte d'ispirazione?

Certo! Le lettere sono ovunque attorno a me qui! Passo molto tempo divertendomi con i cartelli, i graffiti e tutte le diverse forme delle lettere che incontro. È molto interessante vedere l'enorme varietà di iscrizioni e segnaletiche professionali qui.

Dall'altro lato, ci sono anche cose veramente grezze… come un'estensione della tradizione delle lettere manoscritte. Poi, naturalmente, si trova ispirazione in luoghi inattesi, come i camion della nettezza urbana o i camion-cisterna.

Penso che si tratti di una conseguenza del trasferirsi da un luogo a un altro. Tutto sembra diverso. Ora, quando ritorno in Svizzera, noto cose a cui non avevo mai fatto caso perché ero troppo immersa al loro interno.

Esiste una "giornata tipica" nella vita del designer di caratteri tipografici?

Dipende in che fase del design di un nuovo carattere siamo. Attualmente, sto abbozzando alcuni nuovi caratteri e ciò significa che passo il tempo a disegnare. Quando si disegna un carattere, si tratta in pratica di un continuo avanti e indietro tra disegnare le lettere e testarle; quindi stamparle, osservarle nel loro contesto e vedere se funzionano davvero.  

L'altra parte del mio lavoro è quella più tecnica in cui i caratteri devono essere prodotti nei diversi formati richiesti dal cliente.

Insegno anche un corso di design tipografico alla Yale School of ArtLink esterno. Alterno i semestri con Tobias Frere-Jones, il nostro direttore del design. Lui insegna da molto tempo, ed era sempre sopraffatto dagli impegni.

È molto gratificante trasmettere le mie conoscenze a persone interessate – specialmente perché è stato molto difficile per me scoprire questa professione.   

L'Essex Market serve la comunità del Lower Eastside per molti anni. Dal 2019, il mercato ha una nuova sede e ha adottato un unico carattere tipografico per la segnaletica al suo interno. Andrew Lichtenstein

Quando concepisce un nuovo design, come lo si differenzia da tutti gli altri caratteri che già esistono?

Se si disegna un carattere per una lettura prolungata, la sfida è far sì che non risalti troppo. Altrimenti, diventerebbe una distrazione per il lettore. È molto difficile ed è anche, penso, la ragione per cui molti font sembrano molto simili a un occhio non allenato.

Quando invece si concepisce un carattere per un titolo o un manifesto, si lavora con un testo breve di dimensioni maggiori. Allora si può essere molto più creativi.

"I font sono i vestiti che le parole indossano."

End of insertion

Una storica chiamata Beatrice Ward ha coniato l'espressione secondo cui i caratteri tipografici "sono i vestiti che le parole indossano". Ho spesso degli studenti preoccupati che un carattere sia noioso e che debbano infondervi più personalità. Il fatto è che questo succede in ogni caso perché ogni persona è diversa, ciascuno con il proprio bagaglio di ispirazioni e input che si porta appresso in questa attività.   

Quando una nuova famiglia di caratteri tipografici è pronta, come si trova un nome?

Abbiamo un ampio ventaglio di criteri a cui pensiamo quando cerchiamo un nome.

Uno è sicuramente quello di sceglierne uno che sia bello da leggere nel carattere stesso. Idealmente, deve essere una parola che mette in mostra alcune lettere chiave che sintetizzano il design, per esempio la "G" maiuscola.  

Per quel che riguarda la fonte di ispirazione, penso spesso a cosa il design mi ricorda. Mi chiedo, per esempio: "Se fosse un oggetto fisico, di cosa sarebbe fatto?". Alcuni font sembrano fatti di legno o metallo. Questo può essere il punto di partenza per trovare un nome.

Nel caso di Seaford, il font che abbiamo ideato per Microsoft, il procedimento è stato più semplice poiché avevano già dato istruzioni per il titolo di lavoro: doveva essere un luogo del Pacifico nord-occidentale. Quindi abbiamo stilato una lista con i nomi delle località, l'abbiamo setacciata a lungo per capire come suonassero le parole.

Alla fine, siamo arrivati a "Seaford", perché ci sembrava abbastanza generico, con un bel suono, facile da pronunciare e ricordare.

Quando saprà se Seaford è stato scelto come nuovo carattere standard per Windows?

Probabilmente nel 2022, ma è difficile dirlo. Attualmente, stanno raccogliendo i riscontri degli utenti, i font sono già disponibili in Microsoft Office. Anche noi abbiamo avuto dei feedback e stiamo effettuando alcune aggiunte e modifiche.

Ha un carattere tipografico preferito?

C'è una battuta ricorrente tra noi designer tipografici: se ci domandano qualcosa rispondiamo sempre che "dipende". In questo caso, la risposta corretta sarebbe che non ho un font preferito perché dipende dall'ambito in cui lo si utilizzerebbe.

Alla fine di una giornata passata a cucire i vestiti delle parole che usiamo, Nina si gode una birra a Brooklyn. Andrew Lichtenstein

Tuttavia, c'è un carattere tipografico che nella mia testa risalta per il talento artigianale e creativo. È stato inventato da Nicolas Jenson nel 1470, quindi non molto tempo dopo l'invenzione di Gutenberg della stampa a caratteri mobili, caratteri che ai nostri occhi sembrano subito molto vecchi.

Poi invece è arrivato Jenson con una delle prime scritture rotonde. In termini di proporzioni e di equilibrio delle forme, è completamente plausibile ancora oggi, mezzo millennio più tardi. Non è un'impresa da poco.

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.