Navigation

New Bern - la nostra cittadina brutalmente normale

New Bern, negli Stati Uniti, non è un posto speciale. Anche le tracce storiche delle sue origini svizzere non sono quasi più visibili. Nonostante ciò - o forse proprio per questa ragione - il fotografo Michael von Graffenried ha documentato la vita di New Bern con meticolosità.

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 ottobre 2021 - 09:00
Michael von Graffenried (immagini), Balz Rigendinger (Testo)

New Bern fu fondata nel 1710 da emigranti svizzeri e tedeschi. Uno dei padri fondatori fu Christoph von Graffenried, un patrizio bernese, balivo di Yverdon.

Aveva debiti, era coinvolto in faide famigliari e sperava di fare soldi nel Nuovo Mondo.

Questo accadde mentre le autorità bernesi stavano cercando il modo di acquistare terreni in una delle colonie inglesi per stabilirvisi e per liberarsi di alcune centinaia di "elementi indesiderati" - poveri e dissidenti religiosi, per lo più anabattisti.

Ma, solo tre anni dopo la fondazione della cittadina, von Graffenried tornò a Berna impoverito. I nativi avevano attaccato l'insediamento. Sopravvisse solo perché si fece passare per un re. Suo figlio Christoph rimase in America.

Trecento anni dopo, Michael von Graffenried, uno dei più noti fotografi svizzeri contemporanei, parte per New Bern per la prima volta per avvicinarsi fotograficamente alla città. È un discendente del suo fondatore, difficile dire se alla lontana o direttamente: "La nostra famiglia è così grande che è difficile tenere traccia di tutto".

Si è fatto un nome grazie alle sue fotografie panoramiche che riescono a trasportare l'osservatore direttamente al centro della scena.

Von Graffenried non tiene la sua macchina fotografica davanti agli occhi quando fotografa e non guarda attraverso l'obbiettivo. Preme intuitivamente il pulsante di scatto tenendo l'apparecchio all'altezza del petto. In questo modo, le persone coinvolte si accorgono raramente di essere fotografate. "Non appena si punta una macchina fotografica sugli statunitensi, si mettono in posa. Volevo evitarlo", dice.

Come molte altre piccole città di provincia statunitensi, New Bern ha un ritmo di vita molto tranquillo. Dopo le 8 di sera, non c'è quasi nessun pub aperto nel centro storico e nelle strade non c'è quasi anima viva.

Si vede spesso l'orso bernese su sfondo giallo-rosso, una bandiera che di solito sventola accanto a quella statunitense. "Proud to Wear The Bear" ("fieri di indossare l'orso") è scritto anche sui veicoli e sulle auto della polizia.

Michael von Graffenried ha creato "immagini pazienti della vita quotidiana che non pretendono di esprimere un giudizio sulle persone che abitano nella città", si legge in un comunicato stampa sul libro di fotografie.

Fuori dal centro, New Bern è una tipica cittadina statunitense, con quartieri residenziali sparpagliati qua e là. Parcheggi per roulotte, case popolari, villette monofamiliari piccole e grandi e ville. Poi ci sono i centri commerciali lungo le principali arterie di traffico.

33'000 abitanti e 100 chiese: La città si trova nella cosiddetta "Bible Belt" degli Stati Uniti. Qui vivono il 55% di bianchi e il 33% di neri.  "Ci sono due New Bern, una bianca e una nera", dice Michael von Graffenried.

"Tutti i miei progetti richiedono tempo e spesso ritorno sulla scena, come un criminale", dice il fotografo. Nel corso degli ultimi 15 anni, è tornato più e più volte in questa cittadina della Carolina del Nord. Sono nate amicizie, ma anche controversie.

La stampa locale ha scritto diversi articoli sul lavoro del fotografo svizzero. È stato accusato di mettere la località in cattiva luce.

Nella Carolina del Nord, il Nord e il Sud si scontrano. Questa divisione americana attraversa lo Stato e questa piccola città.

Nel giugno del 2020, dopo l'omicidio dell'afroamericano George Floyd da parte di agenti di polizia bianchi, si è svolta la più grande manifestazione che New Bern abbia mai visto, parallela a molte proteste del movimento Black Lives Matter in tutto il Paese. È stata la prima volta che il razzismo è stato affrontato in modo pubblico in città.

Nel libro di fotografie, i panorami in grande formato di New Bern non sono accompagnati da alcun commento. Questo è intenzionale, dice il fotografo, "in modo che chi osserva venga coinvolto completamente"."

"È una cittadina noiosa, spesso mi sono chiesto cosa facessi veramente lì. Ma questo mi ha costretto a osservare da vicino."

Tra i bianchi, il nome di Michael von Graffenried ha aperto delle porte. Ai neri, invece, non importava questo riferimento storico.

Durante una funzione religiosa in chiesa, Michael von Graffenried ha incontrato un assistente sociale - un uomo con una buona rete di conoscenze. "Siamo andati subito d'accordo e poi mi ha dato accesso all'altra New Bern", racconta il fotografo a Migros Magazine.

"La polarizzazione politica del Paese è inconfondibile anche a New Bern, ma mi è sembrato che le persone di colore fossero diventate più sicure di loro stesse sulla scia del movimento Black Lives Matter", ricorda il fotografo parlando della sua ultima visita nel novembre del 2020.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.