Navigation

"La tradizione dei presepi in Svizzera è molto antica e profondamente radicata"

Scorcio della mostra "Natale e presepi" al Museo nazionale svizzero a Zurigo. Musée national suisse

Nel mese di dicembre i presepi decorano gli interni di milioni di case in tutto il mondo. Anche in Svizzera questa tradizione resta molto viva. E alla produzione locale il Museo nazionale svizzero dedica quest'anno una mostra.

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 dicembre 2020 - 11:00

Da diversi anni il Museo nazionale svizzeroLink esterno a Zurigo allestisce una mostra dedicata ai presepi durante il periodo dell'Avvento. Per il pubblico, è un'opportunità per scoprire la moltitudine di forme che questa tradizione natalizia può assumere nel mondo.

Quest'anno il Museo nazionale ha scelto di mettere sotto i riflettori la produzione locale. Fino al 10 gennaio il pubblico ha l'opportunità di scoprire 25 presepi. Un accento molto particolare è stato posto sui presepi dei conventi femminili. In mostra a Zurigo anche gli storici calendari dell'Avvento, molti dei quali disegnati da grandi nomi dell'illustrazione.

Per la curatrice della mostra Andrea Franzen, questa antica tradizione rimane tuttora d'attualità.

I presepi realizzati dalle suore sono spesso installati nelle teche. Le loro figure di cera rappresentano con grande abbondanza di dettagli la Natività o Gesù Bambino. Questo modello proviene dal convento femminile di Hermetschwil (Argovia), XVIII secolo. Musée national suisse

swissinfo.ch: Da quando il presepe è davvero entrato nelle case svizzere?

Andrea Franzen: La nascita di Gesù è rappresentata con figurine sin dal XVII secolo. Realizzate a mano, queste statuine erano costose. Perciò i presepi si trovavano principalmente nelle chiese e nelle dimore di famiglie benestanti.

Alla fine dell'Ottocento si sono diffusi i presepi di carta per uso privato. Questi avevano il vantaggio di essere poco costosi e facili da montare e smontare. Il prezzo più basso e la maggiore facilità d'uso hanno contribuito alla loro diffusione tra fasce più ampie della popolazione.

Presepe pieghevole in cartone e carta, con motivi invernali, realizzato intorno agli anni 1920 in Svizzera o in Germania. Musée national suisse

I presepi svizzeri hanno una caratteristica particolare o una specificità rispetto a quelli di altri paesi?

Le antiche statuette del XVII e XVIII secolo sono vestite e gli arti rimovibili sono scolpiti nella cera o nel legno. La struttura è di legno o filo di ferro ed è avvolta in fasce di lino. Tutto ciò corrisponde a uno stile tipico della Germania meridionale, un'area culturale alla quale la Svizzera è per molti versi molto vicina.

I presepi dell'Oberland bernese in legno di tiglio sono una vera caratteristica della Svizzera. Brienz è un centro della scultura in legno sin dal XIX secolo. Gli scultori più famosi sono Hans Huggler-Wyss e Paul Zumstein. Nel 1900 Hans Huggler-Wyss ha fondato un'azienda a Brienz che ancora oggi riscuote molto successo. Nel 1915, ha prodotto le prime statuette intagliate a mano e  fabbricate in serie in Svizzera.

Le statuine del presepe modellate in creta, improntate allo stile italiano, sono diventate note in Svizzera solo alla fine del XVIII secolo e soprattutto nel XIX secolo.

Statuine in argilla che raffigurano Maria con Gesù Bambino e un pastore, realizzate a Einsiedeln (cantone di Svitto) intorno al 1820. Musée national suisse

Oggi i presepi costituiscono una tradizione che si sta perdendo o che è ancora molto viva?

La tradizione dei presepi è ancora molto diffusa in molti luoghi. Il cantone Ticino, vicino all'Italia, ad esempio, ha una spiccata cultura dei presepi, con allestimenti all'aperto e la creazione di gruppi di presepi.

Ma anche le figure scolpite e i presepi dell'azienda Huggler AGLink esterno di Brienz sono ancora molto popolari. Va notato, tuttavia, che oggigiorno, tra le giovani generazioni, la tradizione del conto alla rovescia nell'attesa del Natale con i calendari dell'Avvento è forse più popolare rispetto all'allestimento di presepi.

"Nel Regno del Bambin Gesù": calendario dell'Avvento realizzato intorno al 1910. Musée national suisse

Negli ultimi anni sono sorte polemiche sui presepi negli spazi pubblici. Per esempio, a Neuchâtel è stato chiesto di spostarlo e a Berna un progetto davanti al Palazzo federale ha provocato una controversia. In una società sempre più secolarizzata e desiderosa di non offendere le minoranze, i presepi hanno ancora un posto al di fuori delle chiese e delle case private?

A mio parere, i progetti nello spazio pubblico dovrebbero sempre riflettere le idee e le opinioni di quante più persone possibili, indipendentemente dalla loro religione. La tradizione di creare presepi in Svizzera è molto antica e profondamente radicata; è quindi certamente giustificata.

Contenuto esterno

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.