Navigation

"In Svizzera, tutti i miei progetti sarebbero morti"

zvg

Lya Elcagu aveva un posto sull'ultimo volo di rimpatrio da Buenos Aires verso la Svizzera nella primavera del 2020. Ci racconta perché ha deciso di restare in Argentina.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 ottobre 2021 - 13:44
Flurina Dünki

A inizio 2020, Lya Elcagu è troppo occupata per fare ordine tra le notizie riguardanti il virus. "Dicevano che in Europa girava questa malattia chiamata Covid. Pensavo che sarebbe stata un'altra cosa come l'influenza", dice.

Gennaio e febbraio sono alta stagione nella scena del tango. È estate a Buenos Aires e migliaia di turisti affollano le milonghe, le sale di tango della città. Prima danno una rinfrescata alle loro abilità di ballo e prendono qualche lezione in una scuola di tango dove si preparano per le notti sulla pista da ballo.

Danzare nel mezzo

Si preparano a stare in compagnia di persone estranee nell'intima postura del ballo argentino e si lasciano trasportare dalle malinconiche canzoni che creano l'atmosfera. Ballano e sudano, soprattutto quando l'aria condizionata non funziona perché la rete elettrica della città non è fatta per la voglia di frescura dei suoi nove milioni di abitanti più i turisti.

In mezzo a tutto questo, balla anche Lya Elcagu, nata Lea Schmid a Zurigo e ora insegnante di tango a Buenos Aires. La 38enne vive lì da nove anni ormai. Lavora nella nota scuola DNI Tango, dove insegna la tecnica mostrando davanti allo specchio come girare e poi appoggiare il piede, con scarpe con 8 centimetri di tacco. "I diciotto insegnanti della scuola avevano le classi al completo e lavoravano fino a 13 ore al giorno", ricorda.

Tutti partono, lei resta

Poi, il susseguirsi degli eventi accelera. L'Argentina annuncia che avrebbe chiuso le frontiere. Nel giro di una settimana i turisti se ne vanno e quindi anche la maggior parte degli studenti della scuola di tango. Le aule sono vuote. In ogni caso, le lezioni di gruppo non saranno più permesse da lì a poco. "Ci vediamo dopo il confinamento", Elcagu dice ai suoi studenti. Pensa che tutto si risolverà nel giro di qualche settimana al massimo.

zvg

Ma il primo allentamento arriva solo con la primavera, nel settembre del 2020. La seconda ondata colpisce nell'aprile di quest'anno. "Al momento, tutto sta riaprendo lentamente", dice Elcagu. "Perlomeno le sale e le scuole di tango che non sono fallite".

Danza del ventre a Buenos Aires

Inizialmente, la donna, formatasi come assistente sociale, non arriva nella megalopoli sul Rio de la Plata per il tango. È la danza orientale ad attirarla nella sua futura casa. La pratica intensamente in Svizzera e, nel 2012, prende un congedo dal suo lavoro di coach di integrazione professionale per seguire le lezioni della luminare della danza del ventre Saida Helou. "Una volta in città, ho anche preso qualche lezione di tango."

Ed è catturata. Non solo si innamora di questo ballo, ma si ritrova in compagnia di persone che la incoraggiano a lasciar vivere l'artista che è in lei. "Qui niente ti è regalato ed è un terreno molto fertile per il campo creativo. La creatività nasce dove si è costretti ad agire", spiega.

Elcagu rimane. Lavora in un'azienda tedesca e prende molte lezioni di tango. Approda poi alla DNI Tango, prima dietro il bancone della vendita nel negozio, poi davanti ad allievi e allieve.  

"Non ce l'ho fatta a partire"

Quando le scuole di tango chiudono a causa della Covid e la sua fonte di reddito si prosciuga, decide di rientrare nella sicurezza del suo Paese d'origine. Ottiene un posto sull'ultimo volo di rimpatrio per la Svizzera. Tuttavia, quando l'aereo decolla, lei non è a bordo.

"Non ce l'ho fatta a partire. Qui ci sono la mia casa, i miei amici – la mia vita è qui", dice.

Qualcos'altro le impedisce di tornare nella Confederazione: avrebbe dovuto appendere al chiodo a lungo la sua professione creativa. "Prima il vortice burocratico dell'assistenza sociale e dell'ufficio di collocamento, il pagamento delle spese, poi il ritorno al lavoro – il tango non sarebbe stato più possibile per molto tempo". Inoltre, la sua testa è piena di idee per nuovi progetti legati alla danza. "In Svizzera, sarebbero morti".

L'inferno dell'inflazione

Così resta a Buenos Aires, sapendo che avrebbe affrontato due nemici contemporaneamente. Perché la paralisi economica dovuta alla pandemia esacerba un male dilagante da decenni: l'inflazione. Sono generazioni che i presidenti argentini prendono prestiti e la credibilità della valuta nazionale affonda costantemente.

Il valore del peso argentino scende praticamente ogni giorno e i prezzi aumentano di conseguenza. I beni importati, come gli auricolari senza fili o le webcam, di cui Elcagu ha bisogno per passare all'insegnamento online sono particolarmente costosi. "Non tutti gli insegnanti possono permetterselo", dice.

Mettere da parte qualcosa? E in che modo, quando tra un anno i soldi varranno ancora meno? "Il modo migliore è risparmiare in dollari", osserva la svizzera. Ma dato che il dollaro è ricercatissimo in Argentina, lo si può acquistare solo a un tasso di cambio gonfiatissimo.

Il tango argentino sanguina

"È impossibile contare quante persone dipendono dal tango", dice Elcagu. "Non si tratta solo di insegnanti, ballerini e ballerine. C'è chi vende scarpe da ballo, chi gestisce le sale, i gruppi musicali, chi si occupa di tecnica delle luci e del suono e poi la fotografia".

Il settore si rivolge alla Casa Rosada, il palazzo presidenziale. Ma ci vogliono un paio di mesi prima che il presidente Alberto Fernandez, populista di sinistra, conceda aiuti finanziari.

"Non sarebbe stato comunque molto", dice la Svizzera che, grazie agli introiti delle lezioni online, non deve dipendere dai fondi statali. "I rappresentanti dell'industria del tango hanno dovuto negoziare per mesi i piani di protezione. Mesi di reddito bloccato per un ramo che altrimenti gode di buona reputazione e porta valuta estera nel Paese."

Montagne di debiti

La distribuzione degli aiuti è molto difficile per l'Argentina, spiega Mathias Rainermann della società di consulenza economica Ecolatina. "Altri Paesi si stanno indebitando per questo, ma l'Argentina ha già così tanti debiti che non si può permettere di averne di più". Per dare sostegno finanziario ad aziende e liberi professionisti, il governo ricorre al rimedio che è causa principale dell'inflazione.

"L'unica opzione era stampare il denaro necessario", dice l'esperto. "Per dare una mano all'economia, è stata stampata una quantità record di denaro."

Così la curva dell'inflazione diventa ancora più ripida e il denaro perde valore ancora più velocemente.

Per sbarcare il lunario, Elcagu fa come gli argentini: baratta invece che comprare. Un tecnico ripara il suo computer in cambio di una lezione di yoga, i vestiti nuovi sono solitamente quelli già usati di un'amica che ha ricevuto i vestiti di Elcogu in cambio.

Tango contro la solitudine

Poi arriva una crisi che Elcogu può osservare da ancora più vicino. Ripetendo nel salotto gli esercizi che l'insegnante mostra online non c'è nessuna controparte, nessun contatto, nessun incontro. "Ci sono persone che scelgono il tango perché si sentono sole. Sono loro che stanno peggio con la chiusura", spiega.

Ma la solidarietà nasce dal bisogno. L'associazione Trabajadores de tangodanza distribuisce pacchi alimentari dal marzo 2020, finanziati da donazioni. E i tangueros e le tangueras non sono dimenticati dai turisti appassionati di tango che solitamente affollano la città. Alcuni organizzano delle milonghe di beneficenza per inviare il ricavato in Argentina.

È passato un anno e mezzo dall'inizio della crisi del coronavirus. Lya Elcagu è tornata in visita in Svizzera. Darà lezioni di tango in Europa per un paio di mesi.

Sul volo che la riporterà a Buenos Aires salirà di sicuro, dice.  

zvg


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?